:::: MENU ::::

Minify URL rewriting is not working: risolvere l’errore di W3 Total Cache

minify url rewriting is not working

Oggi ho deciso di dedicare un piccolo articolo a questo errore che ho incontrato smanettando con W3 Total Cache. SI tratta di un errore  che impedisce il funzionamento della funzione Minify, che restituisce sempre l’errore: “W3 Total Cache error: It appears Minify URL rewriting is not working.“.

Da quello che ho potuto trovare in rete, si tratta di un problema abbastanza frequente. Le soluzioni proposte non hanno funzionato nel mio caso. Svuotare la cache o disinstallare e reinstallare il plugin non serve a niente e il suo meccanismo di recupero automatico della configurazione sembra non funzionare.

Soluzione da “smanettone”

La soluzione all’errore “W3 Total Cache error: It appears Minify URL rewriting is not working.” è in verità abbastanza semplice, anche se un po’ macchinosa. Ti spiego per passi cosa occorre fare:

  1. Prendi nota da qualche parte della configurazione che stai utilizzando. Non utilizzare la funzione di W3 Total Cache per copiare la configurazione su file esterno, perché poi, ripristinandola, ti troverai di fronte allo stesso errore.
  2. Disattiva il plugin, quindi disinstallalo normalmente.
  3. Accedi al tuo server via ftp ed entra nella directory di installazione di WordPress. Di solito o è nella root (/) o nella directory /www/
  4. Spostati nella directory /www/wp-content/
  5. Cancella le seguenti directory con tutto il loro contenuto:
    • /www/wp-content/cache/
    • /www/wp-content/w3tc-config/
  6. Reinstalla W3 Total Cache, riattivalo e reinserisci i parametri di configurazione che hai annotato in precedenza.
  7. Fatto 🙂

Ora tutto dovrebbe funzionare di nuovo. Questo – sì! – è un buon momento per esportare una copia della configurazione tramite l’apposita funzione del plugin. Per esperienza posso dirti che questo tipo di problema avviene in maniera abbastanza random, modificando di continuo le impostazioni del plugin W3 Total Cache. Se devi ancora trovare la configurazione ottimale, preparati a dover ripetere la procedura altre volte.

Disclaimer

Questo è quanto ha funzionato per me e non escludo che questo approccio possa non funzionare per te. In questo caso, tieni sempre presente che stai “pasticciando” con files di configurazione e struttura delle directory di WordPress, che di norma non dovrebbero essere toccati. Nel caso in cui il sito dovesse esploderti in faccia, io non ti conosco  e non ci siamo mai visti, ok? :p


Di' la tua in proposito.