:::: MENU ::::

SEO e Web Marketing: i migliori plugin per WordPress da avere assolutamente

migliori plugin per WordPress

Questo articolo è stato aggiornato dopo la stesura iniziale, per inglobare un articolo simile in cui elencavo altri plugin che inizialmente avevo lasciato colpevolmente fuori dalla lista 🙂

Mettiamo il caso che tu abbia deciso di fare web marketing e, seguendo i consigli dei “guru”, hai installato WordPress sul tuo spazio web. Adesso ti starai chiedendo quali siano i migliori plugin per WordPress, quali possano essere utili e quali, invece, siano assolutamente indispensabili.

I plugin indispensabili

Akismet

Si tratta di un sistema contro gli attacchi di spam. Il plugin ti chiederà una Akismet API key, che viene rilasciata gratuitamente dietro iscrizione al sito del produttore del plugin. Niente da aggiungere: installalo e vivi sereno 🙂

All In One SEO Pack

Questo è, se non il migliore, uno dei migliori plugin per l’ottimizzazione di WordPress per i motori di ricerca. In una singola pagina di configurazione si possono gestire tutti gli aspetti legati al SEO, oltre che collegare il sito a Google Webmaster Tool e Google Analytics. C’è anche una funzione che genera, in maniera del tutto automatica, la mappa del sito in xml e la sottomette ai motori di ricerca.

Redirection

Un semplice plugin, ma molto potente: ti permette, infatti, di reindirizzare a piacimento i link del tuo sito, tenendo il conto dei click. E’ molto utile in tutti quei casi in cui, ad esempio, si vuole controllare quanti utenti cliccano su un collegamento che rimanda ad un link affiliato, oppure per scoprire in quale posizione della pagina un link riceve più click.

W3 Total Cache

Arriverà il momento in cui proverai a caricare il tuo sito e ti accorgerai che, rispetto ai tuoi competitors, impiega troppo tempo. Per abbassare il carico di lavoro sul server esistono dei plugin che, usando parole povere, si occupano di memorizzare le pagine e le interrogazioni al database che vengono eseguite più spesso. In questo modo, quando un utente richiede la visualizzazione di una data pagina, WordPress non dovrà crearla dinamicamente ogni volta, ma soltanto alla prima richiesta; per le successive si limiterà a richiamarne una copia statica, creata appositamente dal plugin proprio alla prima richiesta. Ovviamente queste pagine statiche hanno una scadenza temporale, trascorsa la quale vengono cancellate.

W3 Total Cache è uno tra i migliori plugin per WordPress in materia di caching delle pagine: consta di una miriade di impostazioni che, se impostate correttamente, faranno letteralmente volare il tuo sito. Ovviamente la curva di apprendimento è abbastanza ripida; mi riservo di scrivere una guida di base quanto prima puoi dare un’occhiata alla guida passo passo che ho preparato. :p

MailChimp for WordPress Lite

Strumento indispensabile per il piccolo web marketer è un servizio che dia la possibilità di gestire una lista di email. Alcuni potrebbero pensare di installare qualcosa come phplist sul proprio web hosting e utilizzarlo. Fermo restando che può essere una via percorribile, c’è da dire che spesso le email inviate da phplist vengono considerate come spam da coloro che le ricevono e non è remota la possibilità di essere segnalati come spammers, con l’effetto finale di vedere ignorate da un numero sempre maggiore di iscritti le mail inviate. Per tale ragione può essere utile utilizzare un servizio, anche gratuito, come MailChimp: basta iscriversi e creare una lista; poi, grazie a plugin come MailChimp for WordPress Lite, puoi inserire all’interno delle pagine del tuo sito un box con i campi per l’iscrizione alla tua nuova newsletter.

Le alternative

XML Sitemap

Nel caso in cui decidessi di non utilizzare All In One SEO Pack, ti potrebbe servire un plugin per la creazione e l’aggiornamento automatici del file sitemap.xml. Google XML Sitemap è una buona scelta. E’ molto semplice da utilizzare e svolge il proprio compito alla perfezione.

MailChimp

C’è da dire che di plugin per MailChimp ne esistono diversi, ognuno con i propri pregi e i propri difetti. MailChimp for WordPress Lite è quello che ho trovato più immediato e rapido da utilizzare; nel caso in cui volessi sporcarti le mani con i fogli di stile per rendere il box di MailChimp più omogeneo con lo stile del tuo blog, allora potresti provare MailChimp List Subscribe Form oppure MailChimp Form by ContactUs.

SEO

Sebbene All In One SEO Pack sia un plugin molto completo, nel caso in cui non ti dovessi trovare bene puoi provare anche Platinum SEO Pack oppure WordPress SEO by Yoast.

Cache

Anche qui, come sopra: W3 Total Cache è forse il plugin di caching più completo (anche TROPPO completo, almeno per l’utilizzo che probabilmente ne farai), ma puoi provarne anche altri, come WP Super Cache, con l’avvertenza di tenerne attivo solo uno per volta.

Altri plugin utilissimi

Limit Login Attempts

Una cosa di WordPress che mi ha sempre fatto storcere il naso è la mancanza di un controllo sull’accesso alla parte amministrativa. La pagina di login è accessibile a chiunque ne conosca l’indirizzo (e chi ha usato WordPress lo conosce…) e non c’è nessun controllo sul numero di tentativi di login. Questo ti espone ad attacchi brute force e,  a meno che la tua password non sia lunghissima e complicatissima, alla fine qualcuno potrebbe anche indovinarla. Limit Login Attempts mette una pezza proprio a questo problema: dopo un numero di tentativi di login falliti l’IP che li ha effettuati viene inserito in una blacklist a tempo. Ovviamente il plugin è pienamente configurabile, sia per quanto riguarda il numero di tentativi prima del blocco, sia per quanto riguarda la durata del blocco stesso.

Audit Trail

Sempre per quanto riguarda l’aspetto della sicurezza, Audit Trail tiene traccia di tutte le operazioni compiute nel pannello di amministrazione, con tanto di log dell’indirizzo IP da dove tali operazioni sono state compiute. Probabilmente in un’installazione monoutente di WordPress potrebbe non essere indispensabile, ma in un sito con diversi gestori, sapere chi ha fatto cosa potrebbe essere un ottimo incentivo a non “pasticciare” 🙂

BackWPup

Si tratta di un plugin utilissimo, che effettua un backup completo del tuo sito, dump del database compreso, su un file compresso (in formato zip, tar, tar.gz o tar.bz2). La cosa interessante è che il file del backup può essere salvato in diversi modi:

  • in una directory del sito
  • su un hosting differente via ftp
  • via email
  • su un servizio di cloud storage (DropBox, S3, Microsoft Azure, RackSpaceCloud, SugarSync , Amazon Glacier, Google Drive)

Alcune caratteristiche richiedono che sul tuo server siano installate librerie specifiche o versioni minime di PHP. In ogni caso, sul pannello di amministrazione di BackWPup vedrai soltanto le funzioni supportate dal tuo server. E’ disponibile anche una versione a pagamento.

WordPress Calls to Action

Questo plugin rientra di diritto nella categoria degli indispensabili al web marketer. Si tratta infatti di un sistema che ti permette di inserire le cosiddette “call to action” in box o popup. Puoi utilizzare dei templates preformattati, oppure crearne di tuoi utilizzando il comodo editor visuale integrato. Altra caratteristica importante di WordPress Calls to Action è la possibilità di effettuare degli A/B testing (di cui ti parlerò in un nuovo articolo) per vedere quale tipo di call to action box o quale posizione nella pagina convertono meglio. Avrai anche la possibilità di inserire con pochi click le tue CTA, sia nella colonna laterale, sia direttamente nei post.

ShareBar

Un blog senza contenuti è peggiore solo di un blog senza condivisioni. Hai cominciato a scrivere i tuoi articoli e i tuoi lettori li apprezzano. Il lettore medio è però anche pigro: non aspettarti che passi di sua iniziativa il link al tuo articolo. Per facilitargli il compito puoi ricorrere al plugin ShareBar, che aggiunge una barra ai tuoi articoli con i tasti per condividere con un singolo click il tuo articolo sui maggiori social network.

Q2W3 Fixed Widget

Parliamo ancora di call-to-action e di squeeze form. Questo plugin ti permette di mantenere i widget in posizione fissa nella pagina, indipendentemente dallo scorrimento della stessa. Sembrerebbe un plugin poco utile, ma se ci pensi bene potresti, ad esempio,  utilizzarlo per mantenere sempre a portata di mouse il box che utilizzi per raccogliere le mail dei tuoi lettori.

Evergreen Post Tweeter

Twitter rappresenta un volano incredibile per la crescita del tuo blog e un mezzo imbattibile per far conoscere rapidamente i tuoi contenuti. Tramite Evergreen Post Tweeter potrai programmare l’invio di tweet con i link ai tuoi vecchi articoli. C’è la possibilità di programmare l’invio per data e ora, di filtrare gli articoli (o pagine) inviati per categoria, tag e data, di aggiungere del testo ai tweet in uscita e di scegliere un url shortener per il link. In pratica questo plugin è una buona alternativa al famoso servizio Buffer.

In conclusione

Il successo di WordPress è in parte dovuto alla presenza di migliaia di plugin che coprono tutte le necessità del web developer e, nel nostro caso, del web marketer.

L’elenco con i migliori plugin per WordPress che ho stilato è per forza di cose parziale e limitato; in ogni caso quando parlo di migliori plugin per WordPress, mi baso esclusivamente sulla mia personale esperienza.

Qualcuno potrebbe obiettare che “Hey! Ma quel plugin è molto meglio di quello che hai indicato tu!“. E niente di più probabile che quel qualcuno abbia ragione.

Per questo motivo ti chiedo: conosci qualche buon plugin che dovrebbe rientrare in questa lista? Fammelo sapere lasciando un commento qui in basso!


Di' la tua in proposito.